MONDO AGRICOLTURA

Vendemmia 2017 in calo ma Italia al primo posto Di Andrea De Giorgi | 8 Settembre 2017

Secondo i primi dati, in tutta la penisola la fase di vendemmia in corso è decisamente in calo rispetto alle campagne precedenti. Nonostante il calo produttivo con previsioni di raccolta che toccano appena i 40 milioni di ettolitri, l’Italia mantiene il primato produttivo in Europa e nel mondo, seguito dalla Spagna (38,4 mln) e Francia (37,2 mln). È quanto emerge dal quadro della campagna vinicola elaborato da Unione Italiani Vini e Ismea per l’Osservatorio del Vino e illustrato presso la sede del Mipaaf, da Ernesto Abbona, presidente da Unione Italiana Vini (Uiv).

"I primi mesi del 2017 segnano un recupero del prezzo medio a litro che, però, ancora non basta. dobbiamo cogliere il trend di ripresa di questi mesi (+6,4% in valore) per migliorarlo ulteriormente, anche per rispondere in maniera adeguata al generale aumento dei prezzi dei vini all’origine registrato nelle diverse aree del paese, che aiuta a stabilizzare la sostenibilità economica di tutti gli anelli della filiera. È chiaramente presto per fare proclami, ma mantenendo questo ritmo di crescita a fine anno si potrebbe arrivare alla soglia dei 6 miliardi di euro per un volume superiori ai 21 milioni di ettolitri" – spiega Ernesto Abbona (Uiv).

Agrofarmaci autorizzati dal Ministero della salute, leggere attentamente le istruzioni riportate in etichetta.
Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto.
Si richiama l'attenzione sulle frasi e simboli di pericolo riportati in etichetta.

È obbligatorio l'uso di idonei dispositivi di protezione individuale e di attrezzature di lavoro conformi (D. Lgs. 81/2008 e ss. mm.)